vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

92477 - CULTURA/CULTURE. TRASFORMAZIONE ED EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI CULTURA DALL'OTTOCENTO AL TERZO MILLENNIO

Anno Accademico 2019/2020

Conoscenze e abilità da conseguire

Il seminario si propone si propone in primo luogo di rendere conto, in chiave di evoluzione storica, del mutamento semantico del termine cultura e del processo di massificazione politico-culturale che ha investito le società occidentali nel secondo dopoguerra. Si tratta dunque di un seminario interdisciplinare, volto anche a ridiscutere le gerarchie implicite nella costruzione dei canoni ufficiali e ufficialmente (spesso acriticamente) accettati, rinegoziando le basi di discipline tradizionali, in un proliferare di prospettive teoriche e di metodo, nell’ottica dello sconfinamento, della contaminazione e di molteplici ibridazioni.  

Programma/Contenuti

Il seminario si propone si propone in primo luogo di rendere conto, in chiave di evoluzione storica, del mutamento semantico del termine cultura e del processo di massificazione politico-culturale che ha investito le società occidentali nel secondo dopoguerra, ovvero del passaggio dalla Cultura con la c maiuscola, al singolare, alta ed elitaria, all’invenzione dei cultural studies di Raymond Williams, passando attraverso la gramsciana presa d’atto di una cultura dominante e di una cultura subalterna, ‘popolare’, fino ad approdare alla prospettiva postcoloniale di Said, a quella di Stuart Hall e del Centre for Contemporary Cultural Studies di Birmingham, alla conseguente moltiplicazione di prospettive culturali di fronte, per esempio, alla globalizzazione o alle migrazioni, e alla scoperta e affermazione di memorie culturali dimenticate (o volutamente messe a tacere) dalla Cultura ufficiale. Si tratta dunque di un seminario interdisciplinare, volto anche a ridiscutere le gerarchie implicite nella costruzione dei canoni ufficiali e ufficialmente (spesso acriticamente) accettati, rinegoziando le basi di discipline tradizionali, in un proliferare di prospettive teoriche e di metodo, nell’ottica dello sconfinamento, della contaminazione e di molteplici ibridazioni.

A una prima parte teorica sul concetto di cultura e i cultural studies, farà seguito la disamina di due case studies:  un prodotto culturale, la fotografia, e le espressioni culturali di un particolare periodo storico e in un luogo specifico: l'Inghilterra tra il 1956 e il 1967.

Testi/Bibliografia

M. Cometa, Studi Culturali, Napoli, Guida, 2011, parte seconda e parte quarta.

N. Vallorani (a cura di), Introduzione ai Cultural Studies, Carocci, Roma, 2016, capp. 1 e 2.

S. Albertazzi, Letteratura e fotografia, Roma, Carocci, 2016.

R. Barthes, La camera chiara, Torino, Einaudi,2003.

J. Berger, Capire una fotografia, Roma, Contrasto, 2014

S. Sontag, Sulla fotografia, Torino, Einaudi, 2004.

R. Bertinetti, Dai Beatles a Blair. La cultura inglese contemporanea, Roma, Carocci, 2001.

P. Colaiacomo, V. Caratozzolo, La Londra dei Beatles, Roma, Editori Riuniti, 1996

A. Marzola, Englishness. Percorsi nella cultura Britannica del Novecento, Roma, Carocci, 1999

R. Perdetti, I. Vivan, Dalla Lambretta allo skateboard. Teoria e storia delle sottoculture giovanili britanniche, Milano, Unicopli, 2009.

 

Metodi didattici

Lezioni frontali e seminariali, con partecipazione attiva degli studenti.

Modalità di verifica dell'apprendimento

La verifica dell’apprendimento dei seminari dovrà svolgersi in date successive alla conclusione del seminario e consisterà in un approfondimento personale concordato con il docente di un tema affrontato nel seminario da parte di ciascun collegiale frequentante.

La prova si dovrà registrare su Alma Esami entro 3 mesi dal termine del seminario stesso.

 

Strumenti a supporto della didattica

Strumentazione digitale video e audio.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Silvia Albertazzi