vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

L'arte al limite dell'equilibrio: Architettura ed Efficienza Strutturale

Relatore Luca Patruno, Alumnus

Lo scopo del seminario è di proporre ai collegiali un esempio di sintesi tra arte, scienza, tecnica. L'architettura e gli elementi architettonici saranno discussi in termini di funzionalità strutturale al fine di esaltare le relazioni esistenti tra bellezza formale e funzione statica.

L'equilibrio, inteso nella sua duplice accezione formale e fisica, guida le scelte progettuali rendendo le strutture opere d'arte in cui la bellezza estetica, tecnica e matematica coesistono armoniosamente. Il seminario si propone di fornire gli elementi necessari a cogliere appieno tali equilibri, mostrando come solo un'attenta opera di mediazione tra le diverse necessità progettuali conduca a risultati eticamente sostenibili.

Il seminario è rivolto ai collegiali di entrambe le aree disciplinari.

La lezione introduttiva sarà tenuta dal Prof. Gino Malacarne, Coordinatore del Corso di Laurea in Architettura del Dipartimento di Architettura e Vicepresidente della Scuola di Ingegneria e Architettura dell'Università degli studi di Bologna.
La lezione conclusiva sarà tenuta dal Prof. Massimo Majowiecki, ingegnere strutturista di fama internazionale. Tra le opere più conosciute in Italia di cui il Prof. Majowiecki è stato progettista si ricordano lo Stadio delle Alpi, lo Stadio Olimpico di Roma, la Nuova Stazione di Firenze, il Nuovo Juventus Stadium, Roma Tiburtina, cardo e decumano di EXPO2015.

Calendario delle lezioni

Lunedì 2 maggio - 18:00-20:00
Giovedì 5 maggio - 18:00-20:00
Lunedì 9 maggio - 18:00-20:00
Giovedì 12 maggio - 17:00-19:00 - Incontro con Massimo Majowieck



Per iscriverti compila il form che trovi nel link sulla destra entro il 27 aprile.





In evidenza

Iscrizioni al seminario del Dott. Patruno - 2016
Utilizza l'apposito form per iscriverti entro il 27 aprile.
L’arte al limite dell’equilibrio: Architettura ed Efficienza strutturale
12 maggio: incontro con il Prof. Massimo Majowiecki.